Ad un primo, rapido, sguardo parrebbe un’opera d’arte astratta, non dissimile da quelle che oltre un secolo fa resero celebre Kandinsky in tutto il mondo. Ma non è nulla di tutto ciò: in realtà è puro e semplice vino. Ritratto però in una fotografia con un livello di dettaglio accuratissimo, praticamente infinitesimale. No, non siamo ‘ubriachi’: è esattamente quello che i visitatori possono vedere (e provare con tutti e cinque i sensi) presso il padiglione del Masaf a Vinitaly, la rassegna internazionale dedicata al vino e ai distillati, in programma al 14 al 17 aprile presso Veronafiere.

A Vinitaly l’arte incontra la scienza. Con il vino a fare da mediatore

In sostanza, quella allestita dal Ministero dell’Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste è un’arena immersiva per raccontare il vino dal punto di vista del territorio, con la possibilità di guardarlo al microscopio, scoprendone anche le caratteristiche in termini di espansione del colore che ne fanno un’opera d’arte. Il suo nome è “Divina” e si tratta di un’installazione immersiva ideata per emozionare e connettere chi fa e chi ama il vino in Italia per un indimenticabile viaggio nell’eccellenza vitivinicola italiana. Uno spazio di dialogo creato per il Ministero dell’agricoltura al Vinitaly 2024 dal regista Andre Guidot, sviluppata dal collettivo artistico {[(etica)estetica]anestetica e prodotta da TRAMA Creative Studio.

Potrebbe interessarti

“Guardare una particella di vino al microscopio è un evento eccezionale e chi avrà l’occasione di viverlo vedrà un’esplosione di colori che danno l’idea di quanto la natura sia capace di fare ciò che l’uomo non riesce a volte nemmeno a immaginare”, ha sottolineato il ministro Francesco Lollobrigida commentando l’opera artistica.

Grazie alle tecnologie innovative, in un’arena immersiva allestita nello spazio del Masaf, sarà possibile scoprire il vino secondo tre prospettive: una video-esperienza artistica per esplorare, attraverso la lente del microscopio, la natura del vino; un video immersivo accompagnato da un audio racconto che celebra la bellezza e la ricchezza dei territori agricoli italiani; infine una video esperienza artistica dedicata ai sapori e alle essenze dei vini italiani e dei loro territori, attraverso visualizzazioni organolettiche realizzate in collaborazione con Assoenologi.

“Un’opera sul vino italiano non poteva che omaggiare la natura divina del vino italiano, dei suoi territori e dei suoi protagonisti”, ha spiegato il regista Andre Guidot. “Divina è un’esperienza che immerge lo spettatore grazie all’arte e alla scienza, proprio come l’eccellenza del vino italiano”.

In primo piano

Nobili, ventata di novità a Enovitis 2024

Diserbatrici, trince pacciamatrici e irroratrici: Nobili cala il tris di novità in occasione di Enovitis, la fiera itinerante dedicata ai macchinari per il vigneto. Focus su OTF PLUS della gamma VENTIS

Articoli correlati