Il Kubota M 135 Gx, che ha sostituito il modello M 130 X al top della pattuglia di aziendali giapponesi della serie M, si riconferma come uno dei trattori più originali presenti sul mercato, con alcune soluzioni che lo distinguono nettamente dai concorrenti. Non solo per il fatto di adottare un propulsore a 4 cilindri di oltre 6 litri di cubatura, o alcune tecnologie esclusive come il Bi-Speed, ma proprio per come è stato concepito.

Progettato per soddisfare le esigenze delle medie aziende, non concede molte possibilità di personalizzazione, ma è corredato già in versione standard delle soluzioni ritenute indispensabili per innalzare la produttività nelle tipiche applicazioni aziendali, garantendo al tempo stesso affidabilità e facilità di gestione.  

L’elettronica c’è ma è semplice e limitata ad alcune funzioni di impiego molto pratico, mentre i principali comandi sono tutti ad attuazione elettroidraulica. Insomma, un trattore che bada al sodo e che, visto anche il buon andamento delle vendite, sembra soddisfare pienamente le esigenze delle realtà aziendali italiane.

In primo piano

Articoli correlati

Kubota M6-142, mettilo dove vuoi. La prova in campo

Per caratteristiche e dimensioni il nuovo utility di Kubota si inserisce nella fascia premium ma il prezzo resta accessibile. Tutto ruota attorno al ‘motorone’ da 6,1 litri inedito per i competitor di pari categoria

Valtra N 175 Direct, doppia personalità. La prova in campo

Un 4 cilindri che fa il lavoro di un 6 ma è più agile e versatile. Il Valtra N 175 Direct ha un’infinità di configurazioni possibili e la potenza necessaria per cimentarsi in qualsiasi applicazione. La quinta generazione aggiunge comfort e tecnologia