Il produttore di macchinari agricoli Pottinger ha annunciato l’arrivo di una nuova combinazione per la sua seminatrice pneumatica trainata AEROSEM VT, pensata per preservare l’integrità del terreno attraverso un sapiente mix di compattezza e maneggevolezza d’uso. La nuova seminatrice trainata AEROSEM proposta dall’azienda austriaca avrà una larghezza di lavoro di 5 metri, e sarà combinata con la strumentazione di lavorazione attiva del terreno (in sostanza gli erpici rotanti), progettata da Pottinger all’insegna dell’operatività e della flessibilità.

Proprio perché la conservazione del suolo e il perfetto posizionamento della semente sono i fattori più importanti durante le lavorazioni del campo, Pottinger ha pensato a uno specifico sistema di dosaggio universale di precisione, con ingegnosi e robusti coltri di semina.

Pottinger AEROSEM VT, l’obiettivo è il posizionamento preciso della semenza

Tra le caratteristiche dell’AEROSEM 5000 DD finalizzate all’aumento della produttività vanno ricordate: la possibilità di tracciare il terreno progettare con largo anticipo la semina; una struttura compatta con packer per la conservazione del suolo; la possibilità di preparare il letto di semina ideale tramite l’utilizzo dell’erpice rotante della serie LION 103 C; la tecnologia Coulter per una resa su grande superficie e una fessura di semina uniforme e pulita; e il sistema di tramoggia pressurizzato per una maggiore flessibilità.

La preservazione del suolo è garantita dai packer con pneumatici scanalati di grande volume in grado di ridurre la pressione applicata al terreno, minimizzando la resistenza al rotolamento per evitare l’effetto bulldozing, con eventuali compromissioni delle future colture. Un’ampia area di contatto, in combinazione con lo speciale profilo scanalato, assicura infatti un consolidamento ottimale delle file di sementi. Inoltre, l’imballatrice è ammortizzata idraulicamente per sostenere un funzionamento regolare durante la semina. Questo permette di mantenere alte velocità di guida su diversi tipi di terreno.

La potenza richiesta non è eccessiva

Grazie alla combinazione di seminatrice trainata ed erpice rotante, il trattore non ha bisogno di sollevare attrezzi pesanti. La distribuzione uniforme del peso è assicurata dal fatto che la macchina è attaccata ai bracci del sollevatore inferiore e guidata dall’imballatore di pneumatici. Il risultato è una macchina dal funzionamento regolare.

Il design della tramoggia pressurizzata longitudinale con una capacità di 2.800 litri è completamente nuovo. La tramoggia è divisa 50:50 nella direzione di marcia, in modo che il seme possa essere seminato con il fertilizzante o da solo.

Un design estremamente compatto e la configurazione intelligente della tramoggia di semina conferiscono alla seminatrice un’eccellente manovrabilità. Anche con le ruote doppie, è possibile girare direttamente nel passaggio successivo. Il design accorciato e basso della tramoggia e l’integrazione dell’imballatore nel telaio assicurano curve veloci e poco ingombranti a fine campo.

Il sistema di dosaggio è stato ulteriormente migliorato

Il sistema di dosaggio pressurizzato AEROSEM, di nuova concezione, è progettato per i più alti tassi di applicazione. Questo sistema assicura una portata esatta del seme, indipendentemente dal tipo di seme o dalle condizioni di lavoro. I sistemi di dosaggio possono essere controllati indipendentemente l’uno dall’altro.

Infine il sistema di assolcatori a doppio disco DUAL DISC è in grado di assicurare un posizionamento preciso dei semi anche nelle condizioni più difficili. I grandi coltri sono leggermente sfalsati e formano una fessura di semina pulita e ordinata. I bracci del coltro di uguale lunghezza e che non richiedono manutenzione, con un offset di 30 cm, assicurano la massima affidabilità anche in presenza di un alto livello di residui vegetali.

In primo piano

Articoli correlati

MA/AG IDL, per interrare con efficienza

MA/AG ha da sempre l’obiettivo di aumentare l’efficienza in campo. Un mantra a cui non sfugge nemmeno l’interramento dei liquami. L’obbligo normativo ha infatti portato lo sviluppo di un’ampia gamma di attrezzature dedicate a questo scopo. Non senza “invenzioni&#8...