Continua ad avanzare l’iter per arrivare all’istituzione di un albo nazionale degli agromeccanici, a prima firma dell’onorevole Davide Bergamini e con relatore l’on. Attilio Pierro. E anche da Cai Agromec arrivano pareri positivi sul processo di approvazione della tanto agognata misura. Un provvedimento richiesto a gran voce e da tempo da tutte le sigle del settore, affinché il ruolo del contoterzista, di fondamentale importanza per lo sviluppo di tutto il settore primario, venga finalmente comparato a quello degli agricoltori.

«Il nostro plauso – commenta Gianni Dalla Bernardina, presidente di Cai Agromec – va a tutta la Commissione Agricoltura della Camera e al suo presidente, on. Mirco Carloni, per il riscontro positivo che abbiamo ricevuto ieri. La Comagri, infatti, in sede di discussione dell’iter per l’istituzione dell’albo nazionale degli agromeccanici, ha accolto i nostri emendamenti di semplificazione riguardanti la categoria e incentrati sui depositi di carburante e sulla possibilità di edificare in zona agricola».

«Ora confidiamo in un iter veloce e in ulteriori miglioramenti del testo legislativo sulle imprese agromeccaniche, per dare la meritata risposta e attenzione a tante realtà del settore che sempre più stanno diventando centrali nello sviluppo del comparto agricolo nazionale», ha quindi concluso Dalla Bernardina.

In primo piano

Nobili, ventata di novità a Enovitis 2024

Diserbatrici, trince pacciamatrici e irroratrici: Nobili cala il tris di novità in occasione di Enovitis, la fiera itinerante dedicata ai macchinari per il vigneto. Focus su OTF PLUS della gamma VENTIS

Articoli correlati