APV è un costruttore austriaco di seminatrici e attrezzature per strip-till e minima lavorazione. Un marchio che si è dedicato in modo specifico ad approfondire soprattutto le tematiche relative alle tecniche agronomiche più innovative. Stiamo quindi parlando di sovescio, cover-crops, strip-till e minima lavorazione. Una grande attenzione ai dettagli e alla qualità costruttiva senza però mai dimenticare la semplicità di utilizzo in ogni situazione operativa. Sono proprio queste le caratteristiche vincenti di APV nonostante una storia iniziata soltanto nel 1997 grazie al fondatore Jürgen Schöls allora ventiduenne. Una filosofia di base legata a innovazione, sviluppo e ottimizzazione di macchine progettate per essere efficienti e produttive.

Le soluzioni APV sono dedicate alla lavorazione poco invasiva del suolo.

L’approccio bio di APV

La gamma del costruttore austriaco è fortemente legata ad una visione biologica dell’agricoltura. Ogni attrezzatura è pensata per operare un’azione positiva sul terreno. Questo sia in fase di preparazione che in fase di semina o fertilizzazione. Le seminatrici pneumatiche sono state infatti pensate proprio per questi scopi. Seminatrici utilizzate spesso in combinazione con attrezzature per la lavorazione del terreno. Sia in modo profondo, sia in modo superficiale. Un modo di pensare che ben si accompagna sia all’agricoltura biologica, sia a quella convenzionale. Le seminatrici APV sono infatti pensate per operare con miscugli di semi con differenti pesi specifici. E proprio per questo in grado di soddisfare le esigenze di chi opera in campo con tecniche di sovescio e cover-crops.

La gamma APV spazia dalle attrezzature per strip-till e minima lavorazione fino alle seminatrici pneumatiche

Far ri-vivere il terreno

Le attrezzature per la lavorazione del terreno puntano a ridare equilibrio al terreno. Questo tramite un’azione superficiale delicata che permette di rompere la crosta superficiale che impedisce gli scambi con l’esterno. Ovviamente con la contemporanea eradicazione delle erbe indesiderate superficiali. Un processo naturale che APV ottiene con specifiche geometrie di lavoro. Geometrie che nascono da anni di esperienza agronomica e operativa su diversi tipi di terreni e colture. L’azienda austriaca fornisce infatti specifiche indicazioni e soluzioni che variano a seconda che si lavori a tutto campo, in colture specializzate o nella quarta gamma. Un’esperienza che copre anche aspetti più delicati come la concimazione e l’analisi del suolo per mettere in campo specifiche contromisure.

Le seminatrici APV si accoppiano perfettamente con attrezzature di ogni marchio

In primo piano

Articoli correlati

Fischer, una visione sulla sostenibilità

Fischer è un costruttore italiano che ha sede a Termeno, in Alto Adige. L’azienda, fondata nel 1956, si è oggi evoluta come una delle realtà più attente alle tecniche agronomiche contemporanee. Una gamma che, basandosi su 30 modelli, arriva fino a oltre 550 versioni. Versioni che nascono dalla...

Bella Macchine Agricole, dalla “minima” al sovescio

Bella Macchine Agricole sta sempre più puntando su attrezzature per aumentare l’efficienza in campo. Il costruttore piemontese cerca da sempre di uscire dal già visto. E lo fa proponendo una gamma di macchine agricole pensate per la minima lavorazione. Tutto questo sempre con la massima attenz...

Merlini, spandiletame “alla francese”.

Merlini è un costruttore veneto di macchine agricole che ha origini nei primi anni del ‘900. Dalla sede di Isola Rizza, in provincia di Verona, la Merlini si è sviluppata in due settori molto differenti fra loro. Da un lato le macchine agricole, con una particolare propensione verso gli spandi...

Galvagni Rimorchi, specializzati è dire poco

Galvagni Rimorchi è una delle molte aziende nazionali che produce rimorchi agricoli. Una piccola azienda specializzata in rimorchi compatti capaci di muoversi in spazi difficili. Una vocazione naturale che nasce dall’origine trentina. Infatti, a Mori, piccolo comune a due passi da Rovereto, na...