Utilizzando l’immagine del fachiro che a piedi nudi cammina su un tappeto di chiodi, BKT cerca di spiegare l’effetto che le cosiddette stoppie, ovvero i residui più robusti rimasti sul campo dopo il raccolto, possono avere sugli pneumatici dei mezzi agricoli utilizzati per le lavorazioni, dai trattori alle mietitrebbie. Le cause sono molteplici, ma per il produttore indiano la soluzione è una sola: utilizzare mescole e accorgimenti strutturali che rendano lo pneumatico più resistente, perché la fase subito dopo la raccolta, così come le arature a secco, sono le condizioni a più alto rischio foratura.

Le aziende produttrici di sementi, come mais, soia, cotone e colza, hanno sviluppato colture geneticamente modificate, che mantengono la stabilità e l’elevata ventosità, sopportano grandi variazioni di temperatura, resistono a malattie e infestazioni di parassiti. Ma la controparte di una coltura robusta è uno stocco altrettanto robusto, estremamente rigido, per il cui taglio gli operatori si ritrovano a dover equipaggiare le macchine con attrezzi speciali e soprattutto con pneumatici altamente resistenti e performanti. Le stoppie danneggiano gli pneumatici nelle aree dei fianchi e del battistrada, soprattutto al fondo incavi. Quando vi si passa sopra si causa, per sfregamento, l’asportazione di grossi pezzi di gomma, condizione non sempre riparabile.

Potrebbe interessarti

Stoppie, le possibili soluzioni per ridurre i danni. Anche BKT scende in campo con i suoi prodotti

Ci sono naturalmente tecniche per ridurre o prevenire il problema: tagliare gli stocchi più in alto al momento del raccolto, per esempio, consentendo allo pneumatico di passare sopra gli stocchi in un punto non penetrante, oppure utilizzare dispositivi di deviazione delle stoppie, come gli stompers, che aiutano a spingere il residuo prima del passaggio.

Anche per gli pneumatici stessi ci sono delle soluzioni e BKT ha sperimentato e introdotto diversi modi per ridurre al minimo i danni. Gli interventi più efficaci riguardano le mescole specifiche altamente resistenti e le modifiche strutturali nel corpo dello pneumatico. Un’ottima soluzione è l’utilizzo di cinture in aramide, una fibra cinque volte più resistente dell’acciaio, caratterizzata da un’elevata resistenza alla trazione.

Queste cinture permettono inoltre una migliore uniformità del prodotto al suolo, e, contestualmente, garantisce una migliore resistenza alla foratura. Sensibile a questo particolare tema, da alcuni anni BKT lavora sui suoi pneumatici convenzionali e radiali, proponendo versioni innovative Aramid Belted, cioè con cinture in aramide per una maggiore resistenza alle perforazioni e Special, dove la mescola assicura straordinaria resistenza alle lacerazioni.

Le proposte di pneumatici

Contro stoppie, perforazione e tagli, BKT sfodera AGRIMAX TERIS, pneumatico radiale che ha una mescola diversa da quella pensata per i trattori, più dura e più resistente, proprio per le macchine da mietitura e raccolta, in particolare per le mietitrebbie. Una speciale protezione del fianco e la spalla rinforzata aumentano la resistenza, e di conseguenza anche il ciclo di vita di questo prodotto. Non mancano trazione, stabilità ed elevata capacità di carico, caratteristiche chiave di AGRIMAX TERIS che assicurano ottime performance.

Numerose le misure disponibili e alcune dotate di tecnologia IF. Quando invece è il momento di arare e le macchine vengono abitualmente equipaggiate da pneumatici Flotation, proprio per una migliore distribuzione e sostegno del peso, anche in questo caso BKT suggerisce prodotti specifici, i convenzionali FLOTATION 558 e FLOTATION 648 che sono già di serie Aramid Belted HD per evitare le forature, tanto più indicati proprio nel caso di stoppie resistenti.

FLOTATION 558 è uno pneumatico a tele incrociate idoneo per mietitrici e rotopresse, sia su strada che fuori strada. FLOTATION 648 è particolarmente adatto invece per trasporti su campo, nonché applicazioni di spargitori. Entrambi hanno un’alta capacità di trazione; il particolare disegno del battistrada consente il trasporto di carichi molto pesanti a pressioni basse, garantendo di conseguenza una compattazione ridotta del suolo e proteggendo nel contempo le colture da danni. Nello specifico, il profilo arrotondato che caratterizza questi pneumatici e tipico dei prodotti bias, è un ottimo alleato da utilizzare su campo.

BKT AGRIMAX TERIS

Sempre da BKT ci sono infine gli pneumatici radiali per attrezzi agricoli e rimorchi, che hanno già incorporato l’uso di diverse tecnologie di resistenza alle stoppie. Tra questi, soprattutto nelle applicazioni implement, troviamo: AW 711, specificamente progettato per la lavorazione della terra, ha una speciale mescola del battistrada che gli garantisce un lungo ciclo di vita, sia se utilizzato su superfici morbide che dure; RIB 713, uno pneumatico la cui struttura cinturata in acciaio garantisce una straordinaria resistenza alla perforazione; SR 713, pneumatico radiale All Steel con tecnologia VF, caratterizzato da un’impronta larga, per una ridotta compattazione del suolo; e infine I-1, dotato di una mescola resistente alle stoppie per aumentarne la durata e le prestazioni complessive sul campo.

In primo piano

Articoli correlati

Alliance 354 Agriflex VF, alla frusta in uno studio dedicato

Dopo lo studio presentato alla stampa europea a Maastricht lo scorso maggio sull’efficacia delle versioni VF con gonfiaggio ridotto, Yokohama Off-Highway Tires rincara la dose e presenta i risultati di un nuovo lavoro, sempre condotto dalla SEGES Innovation in Danimarca, questa volta in collab...