Claas rinnova la gamma di ranghinatori a doppia girante con sette nuovi modelli Liner a scarico centrale per larghezze di lavoro da 6,2 a 10 metri. Tutte le giranti sono dotate di un carrello a 4 ruote di serie, tranne il top di gamma Liner 3100 che di ruote ne ha 6. Due sono le versioni: i modelli Business equipaggiati di serie con il sollevamento individuale delle giranti tramite preselezione sul terminale, e i modelli Trend per cui questo è disponibile come opzione per il funzionamento diretto con distributore.

L’altezza di rastrellamento può essere regolata rapidamente con una manovella sulle giranti, oppure idraulicamente come opzione per i ranghinatori a doppio rotore con scarico centrale. Sui modelli Business, questo è controllato separatamente per ogni girante tramite una preselezione sull’unità di controllo CEMIS 10 e un successivo azionamento del distributore del trattore.

CLAAS migliora i suoi ranghinatori

Per i Trend è invece disponibile come opzione la regolazione idraulica dell’altezza di rastrellamento tramite controllo diretto con distributore del trattore. Esclusivamente per i modelli Business il sistema idraulico Active Float consente di regolare la pressione di contatto dei rotori in modo specifico alla quantità di foraggio e alle condizioni della superficie di lavoro in modo da ottenere velocità di lavoro più elevate e un minore apporto di ceneri grezze.

Tutti i nuovi ranghinatori Liner a doppio rotore sono guidati da un ampio e robusto telaio di trasporto con sterzo meccanico forzato. L’angolo di sterzata può essere regolato meccanicamente da una risposta morbida a una più decisa. La posizione angolata dei supporti delle ruote assicura che siano necessarie solo leggere forze di sterzo e rende la corsa perfettamente regolare. Su strada si possono raggiungere velocità fino a 40 km/h.

In primo piano

Innovation Agri Tour 2022, il VIDEO della seconda tappa

La seconda tappa, dal titolo "AI e automazione. Nuovi fattori per il precision farming", si è svolta il 12 maggio. Tanti gli argomenti affrontati: dalle mappe di prescrizione "statiche", alla gestione just in time del campo che permette di conoscere le condizioni di ogni pianta momento per momento. ...

Articoli correlati