Dal Covid alla guerra in Ucraina, dalla crisi energetica al rialzo dei tassi, le sfide poste alla sostenibilità economico-finanziaria del mondo agricolo sono ormai innumerevoli e varie. Il PNRR è una risposta i cui riscontri si vedranno nel medio periodo, ma il settore ha avuto anche bisogno di risposte immediate e sono proprio l’insieme di queste tipologie di intervento i protagonisti della Quarta tappa dello IAT che andrà in onda il 30 settembre. 

Innovation Agri Tour 2022, una visione generale del PNRR

Nel corso dell’appuntamento Andrea Chiabrando, del Consorzio Monviso Agroenergia, darà una visione generale del PNRR alla luce delle ultime iniziative legislative. Il tutto con un focus particolare sulla questione energia/agricoltura con una analisi puntale delle strade che si stanno seguendo per gestire il problema e come cogliere le opportunità che si stanno aprendo (l’agrisolare è uno dei tanti punti in questione).  Dal covid alla guerra in Ucraina: il problema del credito per le PMI Maria Cristina D’Arienzo della Direzione Generale di Confagricoltura ci aiuterà a capire quali iniziative sono state prese per aiutare le PMI nella gestione quotidiana del credito e quali strumenti sono stati costruiti (parliamo di sw) per aiutare banche e PMI agricole a capirsi e conoscersi meglio e quindi a calibrare in maniera quanto più corretta il rishio di credito. Perché un conto sono i bilanci di un’impresa “normale” altro quelli di una PMI legata al mondo dell’agricoltura. 

Agritech al via il Centro Nazionale per lo sviluppo delle nuove tecnologie in agricoltura

Il progetto Agritech sarà il terzo pilastro dell’incontro. L’investimento di 350 milioni di euro vedrà il coinvolgimento di 28 università, cinque centri di ricerca e 18 imprese. Un importante lavoro fondato sull’utilizzo delle tecnologie abilitanti per lo sviluppo sostenibile delle produzioni agroalimentari, con l’obiettivo di favorire l’adattamento ai cambiamenti climatici, la riduzione dell’impatto ambientale nell’agrifood, lo sviluppo delle aree marginali, la sicurezza, la tracciabilità e la tipicità delle filiere. A descrivere il progetto il rettore della Università Federico II di Napoli, Matteo Lorito.

Agricoltura di precisione: 500 milioni dal PNRR, un’occasione da non perdere 

A chiudere il primo giro di tavolo e a iniziare il secondo, Alessandro Malavolti, presidente di FederUnacoma che affronterà il tema delle macchine agricole, dei relativi finanziamenti (presenti, passati e futuri) e di come continuare a sostenere l’aggiornamento del parco mezzi, ma soprattutto come spingere verso un utilizzo corretto degli strumenti acquistati e fare in modo che agricoltura 4.0 non diventi soltanto uno slogan, ma si trasformi anche in un elemento culturale che spinga verso un uso ottimale e consapevole dei mezzi agricoli

Gli ospiti

  • Andrea Chiabrando – Direttore CMA Consorzio Monviso Agroenergia
  • Maria Cristina D’Arienzo – Responsabile Politiche del Credito Confagricoltura
  • Danilo Ercolini – Direttore del Dipartimento di Agraria Università Federico II di Napoli
  • Alessandro Malavolti – Presidente FederUnacoma

In primo piano

Articoli correlati

Innovation Agri Tour 2022, il VIDEO della seconda tappa

La seconda tappa, dal titolo "AI e automazione. Nuovi fattori per il precision farming", si è svolta il 12 maggio. Tanti gli argomenti affrontati: dalle mappe di prescrizione "statiche", alla gestione just in time del campo che permette di conoscere le condizioni di ogni pianta momento per momento. ...