Per fare chiarezza nel frastagliato mondo della produzione agromeccanica, abbiamo fatto una panoramica per cercare di capire da dove arrivano i trattori disponibili per il mercato italiano. Un settore complesso, dalla forte vocazione internazionale, in cui praticamente tutti i grandi attori sono colossi con sedi dislocate nei cinque continenti e con decine di stabilimenti e centri operativi. Un’indagine approfondita (l’articolo principale è disponibile a questo indirizzo) da cui è emerso il ruolo ‘globale’ di un settore in continuo cambiamento.

BCS

Il nostro viaggio all’interno del mondo produttivo agromeccanico d’Italia prosegue con BCS, storico produttore di specializzati. Sebbene il quartier generale della realtà guidata dalla famiglia Castoldi sia ad Abbiategrasso in provincia di Milano, le linee di assemblaggio di tutti i trattori presenti nell’offerta dei tre brand Bcs, Ferrari e Pasquali sono concentrate nel proprio centro di Luzzara (originale sito del marchio Ferrari, acquisito nel 1988). Uno stabilimento, quello BCS a Luzzara, che non va confuso con l’altra importante industria di meccanizzazione agricola ubicata nella medesima cittadina reggiana, ossia la fabbrica del gruppo Argo Tractors, dove vengono prodotti mezzi agricoli non destinati al mercato italiano.

Goldoni

A meno di una trentina di chilometri di distanza, a Migliarina di Carpi in provincia di Modena si trova il redivivo stabilimento Goldoni, controllato a partire dal 2021 dal gruppo belga Keestrack. In tale struttura vengono realizzate tutte le gamme di trattori contemplate nell’offerta del brand; stando a quanto dichiarato dai vertici, è prevista nel sito emiliano anche la produzione in serie del full-electric denominato ‘Keestrack B1e’ nonostante il progetto arrivi dalla Casa elvetica Rigitrac.

Il quartier generale e il sito produttivo di Goldoni

Antono Carraro

Dall’Emilia Romagna ci spostiamo in Veneto, dove concludiamo il nostro lungo itinerario. L’intera squadra di trattori Antonio Carraro viene partorita nella sua sede produttiva di Campodarsego.

Gli stabilimento di Antonio Carraro a Campodarsego

Carraro Group

Nello stesso comune si trova anche l’headquarter dell’altro ramo della stirpe Carraro che, oltre ad essere protagonista a livello mondiale nel settore ‘assali e trasmissioni’, con la divisione Agritalia realizza nello stabilimento di Rovigo sia i trattori specializzati commissionati dai molteplici partner sia le proprie serie Agricube e Compact con marchio ‘Tre Cavallini’.

In primo piano

Kubota M6-142, mettilo dove vuoi. La prova in campo

Per caratteristiche e dimensioni il nuovo utility di Kubota si inserisce nella fascia premium ma il prezzo resta accessibile. Tutto ruota attorno al ‘motorone’ da 6,1 litri inedito per i competitor di pari categoria

Articoli correlati