L’albo degli agromeccanici è al centro del dibattito anche nelle Marche. Dopo il via libera effettivo in Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e l’avviamento dell’iter in Piemonte e Toscana, le pratiche sono ad un buon punto anche nelle Marche. Lo hanno ribadito i contoterzisti di Apima Fermo e Ascoli Piceno durante la 79esima assemblea annuale svoltasi a Montegranaro

Tanti gli argomenti affrontati oltre alla questione dell’albo regionale degli agromeccanici: dal bilancio della nuova Pac (a un anno dalla sua introduzione) all’esigenza di snellire le pratiche burocratiche per la circolazione dei mezzi eccezionali. Il tutto in attesa dall’albo nazionale, la cui proposta di legge è stata depositata dall’onorevole Davide Bergamini (Lega) alla Camera lo scorso mese.

Potrebbe interessarti

Agromeccanici, nelle Marche un’assemblea densa di spunti

Durante l’assemblea di Apima era nutrita anche la presenza istituzionale: a salutare il mondo agromeccanico riunito per l’occasione. Sono infatti intervenuti il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, il presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati, Mirco Carloni, il consigliere regionale Carlo Ciccioli e il sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro. Andrea Morroni, direttore di Apima Fermo e Ascoli Piceno, ha moderato il convegno e ha annunciato, tra l’altro, che sarà aperto un nuovo ufficio Apima a Piane di Montegiorgio, il cui responsabile sarà Giorgio Papiri.

Dopo l’approvazione del bilancio 2023 è stata poi la volta dell’intervento di Riccardo Meo di Ismea, che ha relazionato su: “Pac: bilancio del primo anno e aspettative per la semplificazione agraria”. Lo stesso Meo ha rimarcato l’importante appuntamento del 24 aprile, quando la Commissione europea proporrà un regolamento per riformare la Pac, a fronte delle proteste dei mesi scorsi da parte di migliaia di agricoltori. Il responsabile tecnico di Cai Agromec, Roberto Guidotti, insieme al broker assicurativo Federico Rinaldi, sono quindi intervenuti su “Assicurazioni obbligatorie per i mezzi agricoli”.

Le conclusioni sono state a cura di Gianni Dalla Bernardina, presidente di Cai Agromec, che ha rimarcato tra l’altro: «L’attività sindacale messa in campo in questi anni anche con il fondamentale supporto di Apima Fermo e Ascoli Piceno sta producendo i suoi frutti. Siamo infatti ormai prossimi al raggiungimento di due importanti obiettivi, che perseguiamo da tempo: un albo nazionale per la nostra categoria e l’equiparazione della figura dell’agromeccanico a quella dell’agricoltore».

In primo piano

Nobili, ventata di novità a Enovitis 2024

Diserbatrici, trince pacciamatrici e irroratrici: Nobili cala il tris di novità in occasione di Enovitis, la fiera itinerante dedicata ai macchinari per il vigneto. Focus su OTF PLUS della gamma VENTIS

Articoli correlati