Massano è un costruttore piemontese che si è da tempo dedicato ad attrezzature per vigneti, orticoltura e giardinaggio. Senza mai dimenticare, ovviamente, anche applicazioni più generiche. Ma sempre con una visione che vuole andare oltre il già visto curando qualità e prestazioni. Fra le macchine proposte al mercato, le baulatrici hanno ampio spazio. Massano, forte dell’esperienza con le interratrici e le interrasassi, ha sviluppato una serie di ottime baulatrici. Si tratta infatti di macchine in grado di operare in condizioni limite come, ad esempio, l’agricoltura di montagna. Condizioni dove la presenza di terreni molto sassosi richiede attrezzature specifiche. Attrezzature che hanno un’impostazione modulare che permette di spaziare in larghezze di utilizzo da 145 a 600 centimetri. Un campo d’azione vasto e in grado di andare incontro a esigenze di ogni tipo.

Le baulatrici Massano sono adatte per operare in qualsiasi terreno

Massano Extreme, per lavorare ovunque

L’offerta di baulatrici comprende oggi diverse gamme che coprono potenze di trattori da 40 fino a 360 cavalli. Si tratta quindi di una visione in grado di soddisfare aziende di ogni dimensione e situazioni operative molto differenti fra loro. Fra le diverse gamme la Extreme è quella pensata e indirizzata verso le situazioni più gravose in presenza di terreni molto difficili. Si tratta infatti di una macchina, realizzata su specifica richiesta, la cui struttura con distanza maggiorata fra gli alberi di trasmissione permette di lavorare senza deformazioni. La Massano Extreme è in grado di operare con sassi dal diametro di 30 centimetri senza nessun problema. Nelle versioni con larghezze ridotte si ha quindi un’attrezzatura adatta ai contesti alpini e collinari.

La gamma Massano Extreme è adatta per lavorare in condizioni gravose

Pensare ogni elemento

Massano ha ragionato per gamme di potenza proponendo soluzioni specifiche a seconda delle sollecitazioni previste. Per tutte le baulatrici Extreme la trasmissione è sempre laterale ma con altezza maggiore rispetto alle versioni standard. Nei modelli che spaziano in larghezze di lavoro da 145 a 210 cm la trasmissione è realizzata con catena rinforzata. Passando di scala e arrivando quindi a macchine con larghezze di lavoro molto importanti da 250 a 600 cm la trasmissione è invece realizzata con ingranaggi. La maggior distanza tra i due alberi di trasmissione determina un maggior spazio tra il rotore e la cassa. Soluzione che permette alla Extreme di lavorare in qualsiasi tipo di condizione con sassi di dimensioni superiori ai 30 cm di diametro.

Massano utilizza soluzioni tecniche differenti a seconda della misura della baulatrice

In primo piano

Innovation Agri Tour 2022, il VIDEO della seconda tappa

La seconda tappa, dal titolo "AI e automazione. Nuovi fattori per il precision farming", si è svolta il 12 maggio. Tanti gli argomenti affrontati: dalle mappe di prescrizione "statiche", alla gestione just in time del campo che permette di conoscere le condizioni di ogni pianta momento per momento. ...

Articoli correlati