Forte di una consolidata esperienza nel ramo delle macchine industriali e del know-how apportato da Pichon dopo l’acquisizione nel 2019, Mecalac intende dire la sua anche nel campo dell’agromeccanica, settore in cui è ormai presente da tempo con un’offerta stratificata, soprattutto per quanto riguarda le pale caricatrici. In questo specifico segmento, il gruppo Mecalac – che è presente in oltre 80 paesi con un’offerta che spazia in escavatori, dumper, terne e rulli compattatori – è sbarcato sul mercato con le pale caricatrici MCL, piccoli mezzi operativi adatti a una pluralità di operazioni per le aziende agricole e zootecniche. Le pale MCL possono quindi accatastare balle di paglia, spostare grandi sacchi, pulire le stalle. Ma non solo.

Il loro ingombro ridotto consente di manovrare agilmente su qualsiasi terreno e offre un eccellente compromesso tra compattezza e prestazioni di sollevamento. La loro velocità di esecuzione consente di aumentare notevolmente la produttività. Sono inoltre dotate delle più recenti tecnologie Mecalac in termini di comfort e assistenza alla guida, come l’M-Drive (velocità della macchina controllata dal pedale a un determinato regime motore) e lo Speed Control (definizione. a scelta dell’operatore, dell’intervallo di velocità utilizzabile tramite il pedale di avanzamento).

MCL, le macchine Mecalac all’insegna della polivalenza

La gamma MCL è composta da sei macchine sviluppate per soddisfare tutte le esigenze di carico e movimentazione. Con una larghezza ridotta di soli 1,04 m, la MCL2 è la macchina ideale per infilarsi negli spazi più stretti, come i vecchi edifici agricoli, dove l’accesso è spesso limitato. Alimentate rispettivamente da un motore da 25 CV e da 50 CV, la MCL4 e la MCL6 sono particolarmente adatte ai lavori agricoli, in quanto i loro bracci lunghi consentono di raggiungere grandi altezze per impilare, ad esempio, le balle di foraggio. Presenti MCL4+ e MCL6+, versioni a braccio corto per soddisfare le esigenze specifiche di diverse applicazioni, in particolare nel settore delle costruzioni, offrendo maggiori carichi di ribaltamento.

E infine il top di gamma MCL8 che grazie al suo potente motore è a suo agio in ogni circostanza, che si tratti di caricare, di movimentare o di azionare attrezzature idrauliche. Tutte le macchine sono disponibili in 3 versioni: cabina, tettuccio, tettuccio ribaltabile per l’accesso a edifici con altezza limitata. Offrono un ottimo compromesso tra compattezza e prestazioni di sollevamento e sono progettate per essere equipaggiate con un’ampia gamma di attrezzature, come benne e forche con griffe, forche solleva-pallet, frantumatori.

In primo piano

Nobili, ventata di novità a Enovitis 2024

Diserbatrici, trince pacciamatrici e irroratrici: Nobili cala il tris di novità in occasione di Enovitis, la fiera itinerante dedicata ai macchinari per il vigneto. Focus su OTF PLUS della gamma VENTIS

Articoli correlati

Yanmar, la pala gommata V7-HW al servizio del giardinaggio

Dal cuore del Vecchio Continente all’Estremo Oriente: è una linea immaginaria ammantata dal fascino dei grandi viaggi e dell’arte del giardinaggio quella che unisce un’impresa Svizzera al Giappone e alla sua millenaria storia nella cura del verde. A tendere questo filo ci pensa una...