Il produttore austriaco Steyr ha annunciato l’arrivo della seconda generazione della gamma Terrus CVT, il trio di trattori ad alte potenza sbarcato nei campi per la prima volta ormai qualche anno anno fa. Con un nuovo design della cabina, uno stile rivisto, comandi ripensati e una tecnologia di connettività avanzata, la nuova generazione vanterà comunque un range di potenze non dissimile dai predecessori, ovvero compreso tra i 250 e 300 cv.

I trattori della gamma Steyr Terrus CVT saranno costruiti come di consueto nello stabilimento di St. Valentin in Austria e comprendono dunque tre modelli, rispettivamente da 250, 270 e 300 cv di potenza nominale, tutti dotati della trasmissione STEYR CVT.

Steyr Terrus CVT, le novità partono dal bracciolo multifunzione Multicontroller III

Tra le novità introdotte in questa seconda generazione spicca la cabina innovativa, con interni completamente rivisti, dotati del nuovo bracciolo Multicontroller III con comandi configurabili, del monitor touchscreen Infomat 1200, della strumentazione motore/trasmissione consultabile su tablet e – per la prima volta – della telematica STEYR S-Fleet con trasferimento dati istantaneo bidirezionale.

.I dati operativi del trattore e dell’attrezzo vengono registrati istantaneamente e automaticamente, e sono accessibili sul PC dell’azienda tramite il portale web MySTEYR.com, o l’applicazione mobile S-Fleet sul dispositivo smart del manager/proprietario.

L’Infomat 1200 ad alta risoluzione è in grado poi di fornire una panoramica di tutte le funzioni del trattore e permette di comandare e ottimizzare l’impianto idraulico, la presa di forza, il motore e la trasmissione tramite il touchscreen.

Una cabina all’insegna del comfort

Dal sedile dell’operatore, il nuovo stile favorisce anche la visibilità. Il design della cabina panoramica a quattro pilastri incorpora grandi finestre, parafanghi posteriori ribassati, botola sul tetto ad alta visibilità e parabrezza anteriore in un unico pezzo con un bordo superiore curvo che permetterà di aumentare la superficie operabile dal tergicristallo del 27%. La visibilità sarà migliorata anche dai pacchetti di luci stradali e di lavoro a LED, dotati di 14 luci sul tettuccio, quattro nella parte anteriore della cabina, due sui parafanghi posteriori e quattro sul cofano. E’ nuovo anche il sistema di climatizzazione pressurizzato, che presenta anche un controllo auto-zona.

I livelli di rumore sono stati ridotti a 66 decibel, aiutati da materiali interni morbidi di qualità superiore. I nuovi sedili incorporano raffreddamento, riscaldamento e uno schienale girevole, e il comfort è ulteriormente migliorato da un nuovo pedale di guida, per un controllo preciso dall’inching al campo alla strada. C’è anche più spazio e stoccaggio, compresa una borsa termica integrale sotto il sedile sufficiente per un cestino da pranzo e due bottiglie da 2 litri. Le prese multiple in cabina supportano la connettività, sia dei monitor degli attrezzi che degli smartphone.

Steyr

Steyr Terrus CVT, in arrivo due pacchetti speciali

Il nuovo Terrus CVT è disponibile in due versioni (con specifici pacchetti), oltre ai modelli ‘Custom’ che possono essere personalizzati nel tipico stile STEYR, con la possibilità di scegliere le caratteristiche desiderate in un ampio catalogo, in base alle specifiche esigenze.

Il primo pacchetto della nuova generazione si chiama ‘Evolution’ e comprende caratteristiche come l’impianto idraulico da 165 o 220 l/min, la presa di forza a quattro velocità, il freno di stazionamento elettronico, le opzioni cabina Deluxe o Active Luxury con aria condizionata, il sedile del passeggero e la sospensione della cabina, la sospensione dell’asse anteriore, la gestione Easy Tronic II a fine campo e le opzioni di guida automatica S-Guide, oltre alle opzioni ISOBUS Classe II o III.

Dal canto suo il pacchetto top di gamma ‘Excellence’ offre le stesse caratteristiche, ma porta in dote anche altoparlanti premium, cinque distributori elettroidraulici posteriori a distanza e una funzione Power Beyond di serie.

In primo piano

Innovation Agri Tour 2022, il VIDEO della seconda tappa

La seconda tappa, dal titolo "AI e automazione. Nuovi fattori per il precision farming", si è svolta il 12 maggio. Tanti gli argomenti affrontati: dalle mappe di prescrizione "statiche", alla gestione just in time del campo che permette di conoscere le condizioni di ogni pianta momento per momento. ...

Articoli correlati