Il Bednar Terraland DO è un dissodatore combinato in grado di tagliare e mescolare anche grandi quantità di residui di raccolto in un unico passaggio lavorando il terreno fino a 45 centimetri di profondità. La parte anteriore della macchina è dotata di dischi di grandi dimensioni (690 milimetri di diametro) montati in modo indipendente e mantenuti sotto pressione tramite la protezione a molla non-stop che agisce su ciascun disco con una forza di 270 chili.

Ogni disco lavora su un robusto cuscinetto esente da manutenzione ed è in grado di tagliare una grande quantità di massa vegetativa, compresi gambi duri, miscelare i residui vegetali e rompere la suola di lavorazione per consentire un buon sviluppo radicale. La distanza tra i dischi è di 300 millimetri. La profondità di lavoro della sezione del disco viene impostata idraulicamente mediante appositi cilindri idraulici che controllano i rulli posteriori.

Terraland DO, Bednar propone due ancore

Posteriormente i denti ad ancora sono disposti dietro le ruote su quattro file conuna distanza di 37,5 centimetri, soluzione tecnica che permette di lavorare in profondità senza creare ingolfamenti di residui e di creare creste per il metodo Ridge-Till. Due sono i tipi di ancore utilizzabili. Le Active-Mix per effettuare una coltivazione profonda con miscelazione attiva di terreno e residui colturali fino a 45 centimetri, e le Zero-Mix se invece si vuole effettuare una lavorazione degli strati profondi del profilo del terreno senza miscelazione.

In base al tipo di terreno e dalla presenza o meno di pietre per preservare le ancore si può scegliere tra una robusta protezione idraulica precaricata a 800 chili, oppure a una protezione meccanica con un perno di taglio. I denti possono poi essere disimpegnati per riuscire a lavorare alla massima profondità anche in terreni particolarmente tenaci. Dischi rotanti di livellamento protetti da segmenti in gomma e facilmente regolabili lasciano la super cie perfettamente piana che poi sarà livellata dal rullo costipatore posteriore, a spuntoni con l’opzione del kit Ridge- Till o Cutpack.

In primo piano

Innovation Agri Tour 2022, il VIDEO della seconda tappa

La seconda tappa, dal titolo "AI e automazione. Nuovi fattori per il precision farming", si è svolta il 12 maggio. Tanti gli argomenti affrontati: dalle mappe di prescrizione "statiche", alla gestione just in time del campo che permette di conoscere le condizioni di ogni pianta momento per momento. ...

Articoli correlati