Il produttore tedesco CLAAS ha potenziato la serie di pale gommate TORION di fascia media con l’aggiunta di un modello di grande potenza con un interessante rapporto peso/potenza: il TORION 1511 P. La nuova TORION si presta al lavoro con pale per insilati, andando dunque ad aumentare il livello di produttività aziendale, in particolar modo quando si tratta della logistica delle grandi balle.

Finora, nel programma TORION di CLAAS ci sono stati tre modelli nella serie media. Ora, a questi, si aggiunge il nuovo modello TORION 1511 P. La “P” sta per potenza, perché oltre a una maggiore potenza del motore e a una maggiore coppia, la TORION 1511 P dispone anche di una trasmissione più potente per una dinamica di guida nettamente migliore. Ciò rende il modello particolarmente adatto al lavoro con pale e alla movimentazione delle balle di paglia.

Claas TORION 1511 P, il motore è ancora più potente. Con ricadute positive anche sulle performance di guida

Il motore DPS a sei cilindri da 6,8 l, conforme alla norma sulle emissioni Stage V, nella nuova TORION eroga una potenza nominale di 168 kW/228 CV, cioè esattamente 40 CV in più rispetto alla TORION 1511. Con una coppia massima di 900 Nm a 1.600 giri/min, c’è sufficiente riserva di coppia anche per la pala più alta.

Inoltre il TORION 1511 P lavora in modo estremamente efficiente con l’aiuto della funzione DYNAMIC COOLING che regola la velocità della ventola da 100 a 1.050 giri al minuto in base alle esigenze di raffreddamento. L’intervallo di tempo per l’inversione del ventilatore, fornito come standard, può essere regolato nel terminale di controllo. Il grande serbatoio diesel disponibile come optional da 310 l contiene abbastanza carburante per lunghe giornate di lavoro.

Portata maggiore? Ora i cicli di carico sono più veloci

La capacità della pompa dell’olio sulla trasmissione VARIPOWER è stata aumentata a 145 cm per fornire ulteriore dinamismo, permettendo alla TORION 1511 P di raggiungere un regime massimo SMART ROADING a 1800 giri/min. In confronto, la pompa idraulica del TORION 1511 ha una capacità di 105 cm.

Come gli altri tre modelli della serie TORION di fascia media, la TORION 1511 P può essere dotata di cinematica P o Z, con smorzamento delle vibrazioni opzionale e quattro modalità di funzionamento. Il braccio opzionale ad alto sollevamento aumenta il punto di rotazione della benna da 3,93 m a 4,51 m. Funzioni automatiche come il ritorno programmabile della benna SMART LOADING o il limitatore dell’altezza di sollevamento e di abbassamento facilitano la gestione e aumentano la capacità di movimentazione.

TORION 1511 P, è disponibile anche l’attacco K80

Nella parte posteriore, la TORION 1511 P può essere equipaggiata opzionalmente con gancio Clevis, un gancio di traino o anche un gancio K80 regolabile in altezza. Quest’ultimo offre un carico orizzontale di max. 20 t e un carico di appoggio ammesso di 1,5 t. Inoltre, un sistema di freno pneumatico a due linee per il traino di un rimorchio è disponibile come opzione.

Anche gli altri modelli TORION della serie media – 1177, 1410 e 1511 – saranno dotati di nuove opzioni e funzioni per l’anno di produzione 2022. Uno dei punti salienti è lo sterzo a joystick opzionale, che può essere utilizzato al posto del volante per le operazioni di routine. La cabina presenta anche un nuovo pannello di controllo nel bracciolo destro, mentre il raggio di curvatura del parabrezza anteriore è stato ridotto verso la parte anteriore per fornire una visione migliorata. Il DYNAMIC STEERING è sempre disponibile come optional.

Sul tetto della cabina si possono montare, in optional, fino a 10 fari di lavoro a LED che integrano i due fari a LED con luci laterali ausiliarie montate accanto all’unità di carico. Per migliorare la sicurezza in retromarcia sono disponibili vari equipaggiamenti, come una telecamera posteriore, allarmi acustici e luci lampeggianti (alogene o a LED).

In primo piano

JCB, non solo telescopici: ecco le gamme AGRI

Insieme a Giuseppe Secchi, specialista di prodotto marketing di JCB, abbiamo fatto il punto sulle gamme Agri del brand inglese. Così versatili da essere foriere di non poche sorprese, anche grazie alla combinazione di allestimenti personalizzati e ingegnosità delle imprese locali

Articoli correlati

JCB, non solo telescopici: ecco le gamme AGRI

Insieme a Giuseppe Secchi, specialista di prodotto marketing di JCB, abbiamo fatto il punto sulle gamme Agri del brand inglese. Così versatili da essere foriere di non poche sorprese, anche grazie alla combinazione di allestimenti personalizzati e ingegnosità delle imprese locali