diag

Specializzato nella progettazione di dispositivi diagnostici e sistemi elettronici, il gruppo francese Actia è riuscito a penetrare e consolidarsi nel comparto delle macchine agricole. Lo confermano le sinergie con due grandi poli industriali quali CNH ed Argo Tractors, che hanno equipaggiato i loro mezzi rispettivamente con le centraline UCM (Universal Control Module) e con il dispositivo diagnostico “Diag4ArGo”.

Precisamente, il catalogo annovera tre famiglie di prodotti: pacchetti di diagnosi, elettronica di bordo e telematica. Actia produce diverse interfacce e piattaforme tra cui le ultime tecnologie di comunicazione e geolocalizzazione. Parallelamente la società francese sviluppa in proprio molti display e computer di bordo per trattori, in particolare quelli ausiliari montati in cabina per il controllo specifico delle moderne attrezzature. I dispositivi di diagnosi elettronica rappresentano il principale core business del gruppo: si tratta di componenti fabbricati sia in serie che on demand, personalizzati cioè sulle esigenze costruttive e sviluppati  per essere pienamente rispondenti agli standard di sicurezza.

Con le competenze acquisite nel campo della diagnostica ed in quello dell’elettronica di controllo, il gruppo francese è stato in grado di ampliare la gamma con sistemi per la gestione e la manutenzione delle flotte. I dati dei veicoli, una volta estratti in remoto dalle centraline ed archiviati sui server dell’impresa, vengono resi disponibili attraverso il portale www.actiafleet.com dove i clienti possono accedere a tutte le informazioni relative all’operatività delle macchine.

big_ACTIA off_highway

In primo piano

JCB, non solo telescopici: ecco le gamme AGRI

Insieme a Giuseppe Secchi, specialista di prodotto marketing di JCB, abbiamo fatto il punto sulle gamme Agri del brand inglese. Così versatili da essere foriere di non poche sorprese, anche grazie alla combinazione di allestimenti personalizzati e ingegnosità delle imprese locali

Articoli correlati