I primi CASE IH Maxxum furono commercializzati all’inizio degli anni 90 del secolo scorso ottenendo un discreto successo. In tutto ne furono costruiti oltre 65 mila esemplari, e proprio per sfruttare la buona fama che si erano guadagnati Case IH scelse di mantenere lo stesso nome per la nuova famiglia di trattori di media potenza lanciata in Italia in occasione di Eima nel 1997.

I nuovi Maxxum, contraddistinti dalla sigla MX, erano dunque modelli completamente nuovi che nulla avevano in comune coi precedenti. A partire dalle potenze, nettamente superiori. I quattro modelli MX montavano un motore 6 cilindri Cummins da 5,9 litri che tarato a 100 (non commercializzato in Italia), 110, 120 e 135 cavalli nominali, come riportato sul cofano.

CASE IH Maxxum MX, il lato tecnico

La trasmissione era costituita da un cambio a 4 gamme sincronizzate (3 per la retromarcia) entro le quali agivano 4 rapporti in powershift per un totale di 16 marce in avanti e 12 retro. I rapporti in powershift venivamo selezionati tramite un pulsante sulla leva del cambio, e l’inversore di marcia elettroidraulico con la leva alla sinistra del volante. In optional un super riduttore portava a 32 più 24 il totale della velocità.

Ottimo l’impianto idraulico, con una pompa a pistoni a portata variabile con una portata massima di 109 litri al minuto, 4 distributori standard e un sollavatore della capacità di 5.870 chili. Insomma un trattore moderno, valido ancora oggi, e anche piacevole nell’aspetto, col cofano stretto caratterizzato dalla mascherina nera e avvolgente che racchiudeva il gruppo ottico e una cabina comoda e funzionale con ampie vetrate e montanti stretti.

In primo piano

Innovation Agri Tour 2022, il VIDEO della seconda tappa

La seconda tappa, dal titolo "AI e automazione. Nuovi fattori per il precision farming", si è svolta il 12 maggio. Tanti gli argomenti affrontati: dalle mappe di prescrizione "statiche", alla gestione just in time del campo che permette di conoscere le condizioni di ogni pianta momento per momento. ...

Articoli correlati

Same Silver 180 DT, per chi bada al sodo. La prova di inizio millennio

Ai tempi non proponeva soluzioni esclusive e nemmeno un look all'avanguardia. Ma lavorava bene, sfoderando quasi 200 cv, era robusto e costava poco. In più offriva la trasmissione powershift intelligente e il regolatore elettronico dei giri motore. Le impressioni sul trattore prodotto dalla Casa di ...