Un futuro a stelle e strisce. Almeno da un punto di vista finanziario: è quello scelto da CNH Industrial. Il colosso automotive, attivo nel ramo Off-Highway (Agricolture e Construction), ha infatti annunciato di aver completato il delisting volontario delle proprie azioni da Euronext Milano, l’indice borsistico italiano. L’addio a Piazza Affari si è concretizzato all’inizio del 2024 e segue quanto annunciato lo scorso anno. Le azioni di CNH sono ora quotate esclusivamente al New York Stock Exchange (NYSE). Goldman Sachs & Co. LLC è il consulente finanziario di CNH.

“La quotazione unica al NYSE è l’ultimo passo del nostro percorso di semplificazione, che ha subito un’accelerazione nel 2022, quando siamo diventati un’azienda pura di macchine per l’agricoltura e le costruzioni”, ha dichiarato Scott W. Wine, Chief Executive Officer. “Considerando questo delisting e le altre iniziative intraprese negli ultimi due anni, CNH è fondamentalmente un’azienda diversa: più focalizzata sul cliente, più efficiente e più redditizia. Con queste basi rinnovate, siamo entusiasti del nostro futuro”.

Potrebbe interessarti

CNH, tra gli obiettivi maggiore liquidità. Centrale il ruolo degli investitori

Come annunciato il 2 febbraio 2023, la decisione di CNH di uscire dal listino è stata presa dopo un’attenta analisi dei volumi di negoziazione relativi alle due borse, nonché dei costi e delle risorse amministrative necessarie per mantenere la quotazione su Euronext Milano. La maggior parte delle contrattazioni del titolo CNH si è progressivamente spostata sul NYSE, indicando che il profilo di business e la base di investitori della Società si adattano meglio a un’unica quotazione negli Stati Uniti. La concentrazione delle negoziazioni in un unico mercato dovrebbe consentire una maggiore liquidità e attenzione da parte degli investitori, semplificando ulteriormente il profilo aziendale e i requisiti di conformità”. Il Consiglio di Amministrazione di CNH e il suo Senior Leadership Team hanno espresso gratitudine a Euronext Milano per essere stata la sede di quotazione secondaria della società per oltre 10 anni, per poi ribadire l’entusiasmo della continua presenza della Società sul NYSE.

La galassia del Gruppo

A livello globale, Case IH e New Holland Agriculture forniscono applicazioni agricole a 360°, dalle macchine agli attrezzi, e le tecnologie digitali che le potenziano. Mentre CASE e New Holland Construction Equipment offrono una gamma completa di prodotti per l’edilizia che rendono il settore più produttivo. I marchi dell’azienda, focalizzati a livello regionale, includono, tra gli altri, anche STEYR, per i trattori agricoli; Raven, leader nell’agricoltura digitale, nella tecnologia di precisione e nello sviluppo di sistemi autonomi; Hemisphere, leader nella progettazione e produzione di tecnologie di alta precisione per il posizionamento e la direzione via satellite.

Flexi-Coil, specializzata in sistemi di lavorazione del terreno e di semina; Miller, che produce attrezzature per applicazioni; Kongskilde, che fornisce attrezzi per la lavorazione del terreno, la semina e il fieno e il foraggio; ed Eurocomach, che produce un’ampia gamma di mini e midi escavatori per il settore delle costruzioni, comprese soluzioni elettriche. Infine, non va dimenticato che in qualità di azienda globale, gli oltre 40.000 dipendenti di CNH fanno parte di un ambiente di lavoro diversificato e inclusivo, focalizzato sulla capacità dei clienti di crescere e costruire un mondo migliore.

In primo piano

Kubota M6-142, mettilo dove vuoi. La prova in campo

Per caratteristiche e dimensioni il nuovo utility di Kubota si inserisce nella fascia premium ma il prezzo resta accessibile. Tutto ruota attorno al ‘motorone’ da 6,1 litri inedito per i competitor di pari categoria

Articoli correlati