A poco meno di sette mesi dall’annuncio bomba della scorsa Agritechnica, New Holland rincara la dose e, a fianco delle futuristiche mietitrebbie CR11, va ad affiancare le CR10, più piccole ma non meno performanti. e principali differenze tra i due modelli – quasi identici nelle livree – riguardano infatti la potenza e le dimensioni del serbatoio del cereale, per rivolgersi a una gamma più ampia di (grandi) aziende agricole.

Entrambe le nuove mietitrebbie sono costruite presso il Centro di Eccellenza New Holland di Zedelgem, in Belgio. La CR11 ha un serbatoio del cereale da 20.000 litri e un motore FPT Cursor 16 da 15,9 litri con una potenza di 775 cv. Il motore della CR10 è un FPT Cursor 13 da 12,9 litri che genera 635 cv, mentre il suo serbatoio del cereale ha una capacità di 16.000 litri. Oltre alla potenza e alla capacità supplementari, le caratteristiche principali che innalzano queste mietitrebbie a nuovi livelli in termini di produzione, qualità della granella e riduzione delle perdite sono i rotori più lunghi e il nuovo sistema di pulizia Twin-Clean.

Per quanto riguarda la parte anteriore, queste nuove mietitrebbie flagship sono progettate per gestire volumi maggiori di prodotto. Le testate da 10,6-15,0 m (35-50 piedi) sono disponibili sia a coclea con lame di taglio flessibili o rigide e a tappeto. Sono disponibili anche testate per mais da 12-16 file e le lunghezze delle coclee di scarico possono essere specificate per adattarsi a tutte le larghezze delle testate.

CR 10, le trasmissioni scelte da New Holland

Sono disponibili a scelta tre sistemi di trasmissione per soddisfare tutti i requisiti delle testate: standard con trasmissione fissa, standard con trasmissione variabile nonché un sistema variabile per impieghi gravosi. Nella trasmissione variabile, un’unità CVT posta sul gruppo motore-cambio consente di variare la velocità della testata e dell’alimentatore in base alle condizioni del raccolto e del campo. L’inversione dell’alimentatore e della testata si ottiene tramite un motore idraulico sulla trasmissione a velocità fissa e con una trasmissione CVT sulla trasmissione a velocità variabile.

Potrebbe interessarti

Il canale elevatore è dotato di serie di regolazione dell’adattatore frontale e di funzione di inclinazione laterale comandata a distanza dalla cabina. Da qui il prodotto viene alimentato al collaudato sistema Dynamic Feed Roll di New Holland, che ora può essere invertito, contemporaneamente al canale elevatore e ai rotori, in caso di ingolfamento.

Nei nuovi modelli CR10 e CR11, i due rotori da 600 mm (24 pollici) hanno un diametro e una lunghezza maggiori per offrire una maggiore capacità di circolazione del prodotto e di trebbiatura e separazione della granella. Ogni rotore è dotato di 40 spranghe di sgranatura, otto spranghe di sgranatura HX e 12 spranghe di sgranatura dentate. Le unità HX combinano l’altezza delle spranghe dentate con il profilo delle unità standard, con un angolo delle pareti laterali più elevato che contribuisce ad accelerare il flusso del prodotto nella zona di transizione della gabbia del rotore a gradini, tra la zona di trebbiatura e quella di separazione.

Il nuovo cassone crivellante TwinClean integra diverse caratteristiche per aumentare la produttività e ridurre al minimo le perdite di granella. È costituito da due sistemi crivellanti in sequenza, ciascuno dotato di un proprio crivello superiore e inferiore e di una coclea della granella pulita, e si basa su un grande piano preparatore con una cascata maggiorata verso il primo crivello superiore. Il flusso d’aria per la pulizia del cassone crivellante è creato da una ventola ad alta potenza. Due meccanismi automatici di distribuzione trasversale, uno sul piano preparatore e l’altro sui crivelli superiori, garantiscono un carico uniforme sul cassone crivellante in tutte le condizioni.

Come accennato in apertura, il serbatoio del cereale della CR11 ha una capacità di 20.000 litri e una velocità di scarico di 210 l/s, mentre il serbatoio della CR10 ha una capacità di 16.000 litri e una velocità di scarico di 159 l/s. La disattivazione della coclea trasversale permette di svuotare completamente la coclea di scarico anche quando il serbatoio contiene ancora della granella.

La cabina

La cabina del CR10/CR11, oltre al tetto completamente rivisitato, è dotata di un serbatoio lava-mani da 25 litri con dispenser di sapone integrato situato accanto ai gradini di accesso, e presenta numerosi aggiornamenti. L’utilizzo è reso più semplice dall’integrazione di due terminali Intelliview 12 con touchscreen. Il monitor principale sulla console di destra consente di gestire e monitorare i comandi principali della mietitrebbia, mentre il monitor secondario sul montante anteriore dentro è configurato per la mappatura e la guida automatica. Entrambe le mietitrebbie sono dotate di tre telecamere, che consentono di vedere la parte posteriore, il serbatoio del cereale e la coclea di scarico, mentre come optional sono disponibili una telecamera a 360° e una per il gancio di traino.

Le altre novità riguardanti la cabina includono pedali dei freni e pedane di nuovo tipo, volante e sedili in tessuto o pelle di qualità premium, oltre a un nuovo climatizzatore multizona con condotti dell’aria all’altezza del pavimento. La nuova radio Bluetooth consente di utilizzare la radio e il telefono cellulare tramite il pannello di controllo della radio o uno dei monitor IntelliView 12.

In primo piano

Nobili, ventata di novità a Enovitis 2024

Diserbatrici, trince pacciamatrici e irroratrici: Nobili cala il tris di novità in occasione di Enovitis, la fiera itinerante dedicata ai macchinari per il vigneto. Focus su OTF PLUS della gamma VENTIS

Articoli correlati

Yanmar, la pala gommata V7-HW al servizio del giardinaggio

Dal cuore del Vecchio Continente all’Estremo Oriente: è una linea immaginaria ammantata dal fascino dei grandi viaggi e dell’arte del giardinaggio quella che unisce un’impresa Svizzera al Giappone e alla sua millenaria storia nella cura del verde. A tendere questo filo ci pensa una...