DCM Spreaders è uno dei costruttori di spandiconcime che maggiormente punta a innovazione e ricerca. L’azienda veneta ha ricevuto all’ultimo Eima il Premio Blu per il nuovo SW5 E. Si tratta, nello specifico, di uno spandiconcime a dischi portato per vigneto e frutteto ma utilizzabile anche in campo aperto. DCM Spreaders ha inserito, come innovazione, un sistema in grado di differenziare il dosaggio fra lato destro e lato sinistro. L’obiettivo è duplice. In prisimis quello di ottenere una riduzione dell’impatto ambientale. Insieme, ovviamente, a un miglioramento dei risultati agronomici. Senza contare il rateo variabile, la massima precisione e lo scambio dati per la successiva elaborazione e riutilizzo.

DCM Spreaders utilizza tecnologia Isobus sul nuovo SW5 E

La tecnica DCM Spreaders

Il costruttore di Roncà (Vr) ha utilizzato un sistema di pesatura a celle di carico che permette di differenziare il dosaggio tra distributore destro e sinistro. La comunicazione con il trattore avviene tramite protocollo Isobus. Il modello SW5 E è uno spandiconcime a dischi semiportato, brevettato, che permette la distribuzione di concimi chimici granulari, pulverulenti e pellettati. Le dimensioni sono quelle ideali per operare fra colture specializzate come vigneti e frutteti. Si evita così il danneggiamento delle piante. E’ disponibile anche una versione inox con capacità di 800 o 1.000 litri. Tutti i componenti soggetti a usura come i piatti, le palette, gli agitatori, il carter e i piattelli di apertura sono in acciaio inox.

DCM Spreaders punta da sempre a tecnologia e innovazione

La qualità come primo obiettivo

Materiali di costruzione che sono indice di elevata qualità del prodotto. Laddove non si utilizza l’acciaio inox, infatti, i singoli componenti sono soggetti a trattamenti e verniciature protettive prima del montaggio. La versione con sistema Isobus impiega 4 celle di pesatura che, grazie al filtraggio automatico, calcolano le diverse caratteristiche del concime con precisione e affidabilità durante il movimento. Grazie all’uso di mappe di prescrizione è possibile dosare in modo preciso ogni singola quantità di concime. Anche se nato per le colture specializzate, DCM Spreaders permette di regolare il flusso di lavoro dai 10 ai 18 metri permettendone un impiego efficiente anche in campo aperto. E aumentando quindi la polivalenza.

DCM Spreaders è uno dei costruttori di spandiconcime più attenti alla tecnologia
Agriexpo

In primo piano

Articoli correlati

Maschio Gaspardo annuncia il nuovo coltivatore Terremoto 2

Tra gli ambiti di applicazione la minima lavorazione, la preparazione del letto di semina e l'interramento del residuo colturale. Inoltre, grazie al rimescolamento tra residuo colturale e terreno, il nuovo attrezzo migliora il contenuto di sostanza organica stabile presente nel terreno.