Kuhn è un nome associato in modo spontaneo non solo a tutto il processo delle lavorazioni agricole ma soprattutto alla fienagione. Il costruttore propone infatti soluzioni complete ed efficienti per ogni fase della delicata lavorazione. Da qui dipende infatti la salute e la produttività degli allevamenti per i quali il foraggio è elemento essenziale. Si tratta di una visione a 360° che vede Kuhn attiva dal taglio fino all’alimentazione finale e in cui le presse svolgono un ruolo importantissimo. Sia per la corretta conservazione del foraggio, sia per la preservazione degli elementi nutritivi. Un ruolo importantissimo che il costruttore francese affronta con una gamma di big baler con camere da 80 e da 120 centimetri. Due linee di prodotti che vanno incontro alle esigenze di agricoltori di ogni dimensione.

La gamma di big baler di Kuhn è adatta a contesti applicativi di ogni tipo

Le big baler di Kuhn

La gamma LSB870 si colloca alla base dell’offerta ed è disponibile sia mono che doppio asse. Si tratta di macchine in grado di operare su qualsiasi tipo di terreno grazie anche al peso operativo ridotto. Presse che, quindi, si propongono anche agli agricoltori di montagna per la loro manovrabilità e stabilità sulle superfici in pendenza. Tutto questa senza penalizzare, ovviamente, le prestazioni in pressatura e la produttività elevata. Si tratta di macchine che richiedono, inoltre, una potenza di azionamento non elevata. Sono inoltre dotate del sistema Opticut oppure con alimentazione diretta. La tecnologia Integral Rotor garantisce una elevata produzione di balle su diverse colture. Il sistema pre-camera Power Density assicura strati uniformi ed elevate densità assicurate anche dalla legatura Twin Step.

La gamma di big baler di Kuhn è adatta a qualsiasi tipo di foraggio

Per chi deve produrre molto

La gamma superiore con camera da 120 centimetri si articola su quattro modelli per produzioni importanti. Non si tratta solo di avere dimensioni differenti ma anche di livelli di pressatura superiori. Anche in questo caso Kuhn permette di operare con livelli di potenza non elevati grazie alla catena cinematica molto efficiente. Caratteristiche che si mantengono anche nel modello al top di gamma, la SB1290 ID, dotata di sistema di legatura a doppio nodo e compressione brevettata Twinpact a doppio pistone. Infatti, pur lavorando con una compressione superiore del 25% e con balle da 120 x 90 dal peso di 500 kg, la SB1290 ID non richiede potenze superiori ai 200 cv permettendo di lavorare con i media potenza senza penalizzare la produttività.

La gamma Kuhn è composta da big baler anche di piccola dimensione per operare ovunque

In primo piano

Articoli correlati

Agronic, pressare alla finlandese

Agronic è un costruttore finlandese specializzato in tecnologia per la raccolta, l’alimentazione e l’interramento dei liquami. L’origine nord europea ha portato allo sviluppo di tecnologie innovative. Tecnologie dove la raccolta e conservazione va al di là del foraggio. Ed è per qu...

Femac, dall’Umbria verso il mondo.

Femac si è costruita una solida reputazione nel campo delle trinciatrici e delle attrezzature agricole. Nella sede di Trestina, vicino a Città di Castello, nasce infatti una gamma completa prevalentemente idraulica. Gamma che vede soprattutto l’impiego di escavatori e track-loader utilizzati i...