Insieme al lancio dei nuovi MF 1700, Massey Ferguson rinnova la propria offerta nel settore dei trattori specializzati con il lancio della nuova serie MF 3. Una gamma più completa che mai, prodotta come le precedenti generazioni nelle fucine di Carraro Agritalia e sviluppata per offrire una soluzione ideale per differenti scenari di lavoro. Sono davvero tante le novità, a partire dal design caratterizzato dall’emblematica sciabola lungo il cofano e dalla cabina di color grigio, in sintonia col moderno standard stilistico introdotto per la prima volta sugli MF 8 S e progressivamente esteso alle nuove serie minori. Cambia anche la nomenclatura e aumentano le possibilità di configurazione che prevedono superiori combinazioni di allestimento.

MF 3, tante le nuove versioni disponibili

La scelta parte innanzitutto tra sei versioni contraddistinte da differenti dimensioni e identificate da apposite coppie di lettere: ‘VI’ (Vigneto) con larghezza minima di appena 1,00 metri, ‘SP’ (Specializzato) da 1,25 metri, ‘FR’ (Frutteto) da 1,45 metri, ‘WF’ (Frutteto Largo) da 1,70 metri, ‘GE’ (Ground Effect) da 1,40 metri con profilo ribassato per applicazioni che richiedono un’altezza ridotta e ‘AL’ (Alpine) a partire da 1,70 metri per offrire migliore stabilità su terreni in pendenza. Le prime quattro versioni citate (‘VI’, ‘SP’, ‘FR’ e ‘WF’) sono declinate in cinque livelli di potenza pari a 75, 85, 95, 105 e 120 cavalli, a cui corrispondono rispettivamente le sigle MF 3XX.75, MF 3XX.85, MF 3XX.95, MF 3XX.105 e MF 3XX.115 (con i due caratteri ‘XX’ sostituiti dalle specifiche coppie di lettere elencate).

Potrebbe interessarti

Per le ultime due versioni (‘GE’ e ‘AL’) sono invece disponibili quattro livelli di potenza poiché non è opzionabile la taratura da 120 cavalli (in altre parole, ci si ferma al modello da 105 cavalli). Per quanto riguarda le motorizzazioni, i nuovi MF 3 sono equipaggiati con un quattro cilindri Fpt Stage V: precisamente, tutti i modelli montano il propulsore F36 da 3,6 litri di cilindrata, ad eccezione degli esemplari da 75 cavalli che adottano invece l’unità F34 da 3,4 litri. Un simile distinguo riguarda anche la trasmissione, con aggiornamenti maggiori riservati ai modelli da 85 cavalli in su.

Il sistema propulsivo

Infatti, mentre gli MF 3XX.75 sono proposti con cambi meccanici da 4 marce e 3 gamme per un totale di 12 rapporti in avanti e in retro (oppure 24 più 24 e 24 più 12 velocità con PowerShuttle e Speedshift), tutti gli altri specializzati con potenze maggiori sono equipaggiati con un cambio da 5 marce e 3 gramme per un totale di 15 rapporti in avanti e in retro (oppure 30 più 30 e 30 più 15 velocità con PowerShuttle e Speedshift). Da segnalare anche l’introduzione della funzione ‘Neutro con Freno’ che consente di azionare la frizione agendo sul solo pedale del freno disinserendo la trasmissione del moto, nonché l’implementazione del sistema Comfort Control che consente di regolare la reattività dell’inversore

MF 3, i pacchetti Essential ed Efficient

Le opzioni di personalizzazione si moltiplicano grazie alla possibilità di scelta tra i pacchetti Essential ed Efficient a cui è associato un diverso grado di allestimento sia della trasmissione che dell’impianto idraulico. Nel dettaglio, il pacchetto base chiamato Essential prevede una doppia pompa da 93 litri al minuto e comando meccanico del sollevatore posteriore, mentre la proposta premium denominata Efficient comprende tre pompe da 120 litri al minuto, quattro distributori elettroidraulici e controllo elettronico del sollevatore più joystick ausiliare.

Le dotazioni standard di ciascuno dei due pacchetti possono essere poi arricchite con optional aggiuntivi disponibili a richiesta (incluso il sollevatore anteriore e la pto frontale) consentendo di configurare ogni trattore su misura per ciascun cliente. Per quanto riguarda la cabina, va precisato che sono previste differenti soluzioni a seconda della versione correlata alla larghezza del trattore. Tutti gli esemplari ‘VI’ (Vigneto) e ‘SP’ (Specializzato) sono offerti con la nuova cabina integrata, mentre gli ‘FR’ (Frutteto) e ‘WF’ (Frutteto Largo) sono disponibili sia cabinati che con piattaforma aperta. La versione ‘GE’ (Ground Effect) è invece proposta esclusivamente con piattaforma. Infine, per chi pensasse che il listino non fosse già abbastanza farcito, i modelli ‘AL’ (Alpine) sono dotati di due differenti cabine, una Low Profile caratterizzata da un’altezza ridotta di circa 20 centimetri e un’altra contraddistinta invece dal pavimento piatto.

Il posto di guida è stato ottimizzato in modo di garantire maggiore spazio all’interno dell’abitacolo, migliore visibilità e un superiore comfort. Oltre l’evoluta architettura, vanno sottolineati anche interessanti upgrade a livello della strumentazione e interfaccia di bordo. Una particolare menzione merita l’innovativo cruscotto, dotato di uno schermo centrale che può essere impostato dall’operatore per visualizzare le informazioni operative ritenute più utili. Per la massima sicurezza durante le operazioni di distribuzione di prodotti fitosanitari, i nuovi MF 3 possono essere dotati di un opzionale sistema di filtraggio della cabina certificato Categoria 4, attivabile e disattivabile facilmente tramite un apposito interruttore in base all’effettiva necessità.

Le versioni della nuova serie di trattori specializzati

La serie MF 3 comprende quindi sei diverse versioni, con un nuovo modello di punta da 120 Cv disponibile per tutte le varianti, ad eccezione dei modelli MF 3GE e MF 3AL. La gamma completa offre modelli con cabina o piattaforma, una scelta di trasmissioni tra cui la nuova 30F/15R Eco, nonché l’opzione di specifiche Essential o Efficient.

MF 3VI – Vigneto – per l’uso nei tradizionali vigneti stretti. Cinque modelli da 75 Cv a 120 Cv, a partire da 1,00 m di larghezza e con cabina di serie.
MF 3SP – Specializzato – per vigneti più aperti con un telaio leggermente più largo e una cabina più spaziosa. Cinque modelli da 75 Cv a 120 Cv, da 1,25 m di larghezza e con cabina di serie.

MF 3FR – Frutteto – per l’uso in vigneti estesi e frutteti. Un trattore più sostanzioso con un assale anteriore più largo e una cabina più spaziosa. Cinque modelli da 75 Cv a 120 Cv, con larghezza di 1,45 m e disponibili con cabina o piattaforma.

MF 3WF – Frutteto Largo – un trattore più largo e stabile per l’uso in frutteti, vigneti in collina e operazioni di allevamento. Cinque modelli da 75 Cv a 120 Cv, da 1,70 m di larghezza e disponibili con cabina o piattaforma.

MF 3GE – Ground Effect – Un modello a basso profilo per l’uso sotto gli alberi, nelle serre e nei vigneti coperti, dotato di un assale anteriore più largo per una maggiore
stabilità. Quattro modelli da 75 Cv a 105 Cv, con larghezza di 1,40 m e dotati di una piattaforma operatore.

MF 3AL – Alpine – un trattore versatile, forte e stabile per l’uso in collina e su terreni difficili. Quattro modelli da 75 Cv a 105 Cv, a partire da 1,70 m di larghezza, disponibili con cabina a profilo basso o a pianale piatto. Con una larghezza di 1,40 m, la cabina ad alte specifiche porta le caratteristiche di un grande trattore nel compatto e potente MF 3AL.

In primo piano

Innovation Agri Tour 2022, il VIDEO della seconda tappa

La seconda tappa, dal titolo "AI e automazione. Nuovi fattori per il precision farming", si è svolta il 12 maggio. Tanti gli argomenti affrontati: dalle mappe di prescrizione "statiche", alla gestione just in time del campo che permette di conoscere le condizioni di ogni pianta momento per momento. ...

Articoli correlati