Una corsa sfrenata quella dell’export delle macchine agricole italiane. A dirlo, nero su bianco, i dati Istat relativi al 2023, elaborati dall’Osservatorio del vino di Unione italiana vini (UIV), in occasione di Enovitis in campo, la rassegna annuale dedicata proprio a questo settore, dove il comparto vitivinicolo pesa per oltre il 50%. In base a quanto riportato, infatti, le vendite all’estero di macchinari agricoli prodotti in Italia hanno superato la soglia del miliardo di euro, in crescita del 19% sui risultati del 2022, per una bilancia commerciale attiva di oltre 730 milioni di euro.

Nel 2023, le vendite sono state trainate dal mercato europeo che, grazie all’impennata degli ordini da Francia (+93%), Germania (+33%), Spagna (+46%) e Austria (+83%), ha aumentato del 44% gli acquisti di tecnologia made in Italy, a fronte di un calo del 17% della domanda extra-Ue. Ma, se in UE la domanda di macchinari agricoli italiani aumenta, lo stesso non si può dire dei territori extra europei. Nel 2023, gli Stati Uniti hanno registrato una contrazione del 42%, per poi tornare in segno positivo nel primo bimestre di quest’anno (+10% a/a).

Potrebbe interessarti

Viceversa, il consuntivo dei primi due mesi del 2024 in Ue sconta l’overperformance dei 12 mesi precedenti, con battute d’arresto in doppia cifra in tutti i principali mercati. Secondo l’indagine sulla filiera del vino in Italia realizzata nel 2023 dall’Osservatorio Uiv-Vinitaly, il segmento “Vigneto” in Italia genera circa 2 miliardi di euro di fatturato l’anno e conta più di 10.250 addetti impiegati in circa 400 aziende.

“Si tratta di imprese e professionisti particolarmente vocati all’innovazione – ha commentato il segretario generale di Unione italiana vini, Paolo Castelletti –, un settore orientato alla continua ricerca dell’efficienza e della sostenibilità che a Enovitis in campo trova occasione per un momento qualificato di confronto, scambio e crescita”.

Enovitis in campo 2024, il programma della fiera delle macchine per la viticoltura

In programma alla due giorni dedicata ad aziende vitivinicole, enologi, agronomi, tecnici e viticoltori, oltre alle esibizioni live in campo, numerosi appuntamenti di approfondimento sulle sfide e soluzioni più attuali per la viticoltura. Si parte il mercoledì mattina con l’inaugurazione e la premiazione dei vincitori dell’Innovation Challenge Enovitis in campo 2024 che sarà seguita, nel pomeriggio, da focus su “Le sfide per il vigneto del futuro” (ore 14.00, a cura della nostra testata), “Il suolo al centro: approcci innovativi e integrati alla gestione del vigneto” (ore 15.00, Millevigne) e “La via italiana al vivaismo olivicolo ad alta densità con cultivar autoctone. Soluzioni per affrontare il cambiamento climatico” (ore 16.00, Oliofficina).

Si prosegue poi il giovedì con gli appuntamenti su “Irrigazione di precisione in vigneto” (ore 10.00, Toro AG Irrigation), il “Cambiamento climatico e Stress abiotici: la risposta scientifica di Resonant per il futuro della viticoltura di qualità” (ore 10.30, SOP) e “La gestione del vigneto bio” (ore11.00, FederBio Servizi). Concludono il programma “Le novità ICL per la concimazione radicale nella viticoltura moderna” (ore 12.00, ICL) e “Il legame tra agricoltura digitale e produttività nel settore vitivinicolo” (ore 12.30, xFarm Technologies), gli “AgroNotizie Award” (ore 13.00) e la presentazione aziendale di Basf Italia (ore 14.00).

In primo piano

Nobili, ventata di novità a Enovitis 2024

Diserbatrici, trince pacciamatrici e irroratrici: Nobili cala il tris di novità in occasione di Enovitis, la fiera itinerante dedicata ai macchinari per il vigneto. Focus su OTF PLUS della gamma VENTIS

Articoli correlati