Solo nei primi anni Venti Landini cominciò a pensare al suo primo trattore. Non era un genio della meccanica come Ugo Pavesi o Harry Ferguson ma aveva un vantaggio: era nato in campagna e aveva duramente lavorato con le prime macchine agricole disponibili in quel periodo. Fu per quello che concepì un mezzo di una semplicità quasi disarmante: motore monocilindrico orizzontale testacalda a olio pesante, benzina o nafta senza valvole, magnete, carburatore, ventilatore, pompa e radiatore. Tutti i componenti del trattore avrebbero dovuto essere facilmente smontati senza toccare gli altri, insomma un vero inno alla semplicità e alla praticità.

Giovanni non ebbe però la gioia di vedere realizzato il suo mezzo in quanto morì il 22 ottobre del 1924. A costruirlo ci pensarono però tre dei suoi sette figli, ovvero Aimone, Archimede e James che presero in mano l’ azienda. Il primo prototipo vide la luce nel 1925 ma la messa a punto durò ben tre anni fino alla entrata in produzione datata 1928.

Landini 25-30 HP, le caratteristiche

Il motore aveva una cubatura di 11,8 litri capace di erogare 25 cavalli già a 450 giri con potenza di picco di 30. Il raffreddamento era a vasca di ebollizione contenente 100 litri di acqua. Il regolatore di giri e la pompa di lubrificazione erano brevettati e l’oliatore era di marca Friedmann e poi Bosch.

Semplice il cambio, un 3 x 1 con velocità in avanti da 2,5 a 6 km/h e di serie la puleggia. Aveva un passo importante, corrispondente a 1800 mm, che gli conferiva una elevata stabilità e pesava 22 quintali con una capacità di trazione equivalente su terreno piano. Nel 1928 ne furono costruiti e venduti 11 esemplari che soddisfecero pienamente i primi proprietari. I trattori erano garantiti per due anni e nel caso di inconvenienti gravi venivano sostituiti gratuitamente con esemplari nuovi di fabbrica.

La serietà commerciale di Landini si evidenziò già da allora e divenne uno degli elementi distintivi della Casa. Nel 1931 la potenza continuativa salì a 30 cavalli a 500 giri e il peso aumentò a 25 quintali. Lo stesso anno venne presentata la versione industriale. Dal 1928 al 1934 ne furono assemblati 238 esemplari, non pochi per un costruttore agli inizi.

In primo piano

Articoli correlati

Hanomag, il primo trattore completamente diesel. Una storia tedesca

Hannoverische Maschinenbau: un nome di una realtà industriale tedesca, un dittico germanico che ai più potrebbe non dire molto. Ma la situazione potrebbe cambiare se si cita l’altro nome con cui è passata alla storia: Hanomag. Ecco, forse ora a qualche appassionato di mezzi agricoli d’ep...