Forte della recente vittoria nel concorso “Novità Tecnica” di EIMA International 2022, Dieci è scesa tra i padiglioni della nuova edizione della rassegna della meccanica agricola con le ultime novità di prodotto delle sue gamme. Tra cui, ovviamente, non poteva mancare l’innovazioni che l’ha fatta trionfare alla kermesse bolognese: Hybrid Boost System, una piattaforma a controllo elettronico che connette e ottimizza il funzionamento di tutti gli organi principali del mezzo: trasmissione, impianto idraulico. Un sistema sviluppato per funzionare in modo combinato con il sistema propulsivo ibrido di Kubota, che può essere toccato con mano presso la zona espositiva del Centro Quadriportico, dove sono state esposte le innovazioni tecniche che hanno vinto il concorso (mentre lo stand del produttore è al pad 36 in posizione A4).

Dieci punta sull’ibrido. E viene premiato a EIMA

Tenendo bene a mente i principali trend di transizione energetica che hanno investito il settore agromeccanico globale, gli ingegneri di Dieci hanno quindi sviluppato una soluzione che permetta di ridurre la taglia del motore diesel, andando a sostituire un propulsore da 79 kW (con SCR ed urea), con un sistema composto da motore diesel più Hybrid Pack da 55 + 10 kW, senza urea. Attivandosi solo quando realmente necessario, Hybrid Boost System fornisce la potenza elettrica necessaria solo quando richiesta, riducendo gli sprechi energetici e mantenendo elevate le prestazioni grazie al kit hybrid. Un sistema che attinge energia dalle batterie solo quando necessario, in grado di ricaricarsi durante le operazioni a basso consumo di energia.

Inoltre, grazie allo sviluppo su schema modulare, Hybrid Boost System potrà essere facilmente installato anche sui futuri telescopici DIECI, ampliando così notevolmente il target di possibili utenti. Il nuovo sistema ideato dal reparto R&S, si rivolge a tutte quelle realtà che desiderano accedere a soluzioni innovative, a basso impatto ambientale e ad alte prestazioni di utilizzo. Hybrid Boost System è ideale per supportare i cicli di lavoro agricoli discontinui in velocità e potenza, che si alternano a fasi di posizionamento. Con Hybrid Boost la macchina sarà in grado di svolgere nell’uso più comune lo stesso lavoro di un mezzo con 79 kW senza nessun intervento o cambiamento allo stile di guida dell’operatore.

C’è anche Agri Max Power X2

Grazie alla partnership con Dana Inc., Dieci ha sviluppa una trasmissione di nuova concezione: l’HVT-1. Una tecnologia con tecnologia Power Split che si basa su una variazione automatica continua di velocità e coppia, nella quale la componente meccanica e idraulica modulano il proprio apporto in base allo sforzo che la macchina deve superare. Introdotta in campo agricolo per migliorare il comfort di guida dei trattori ed abbattere la fatica delle trasmissioni sull’uso continuativo, ora Dieci la applica per la prima volta al mondo su un sollevatore telescopico: Agri Max Power X2.

La trasmissione HVT-1 permette una velocità di traslazione fino a 50 Km/h con una coppia massima conferita alle ruote in condizioni di stallo e a bassa velocità per supportare esigenze di lavoro più gravose. A tutto questo si somma la possibilità di effettuare l’inversione di marcia veloce e senza sussulti.

Dal canto suo il nuovo sollevatore Agri Max Power X2 porta in dote la tecnologia CAN-BUS, che permette un controllo 100% elettronico dell’intero sistema, ottimizzando motore, trasmissione e braccio, grazie a una collaborazione tra hardware e software. C’è anche l’Axle Absorbing System, il sistema di ammortizzazione DIECI installato sull’assale anteriore, per maggior controllo e massimo comfort in fase di marcia, soprattutto ad alta velocità.

Il sollevatore telescopico 4 modalità di guida, eco, normal, loader e creeper, che rispondono alla necessità dell’operatore di affidarsi a uno strumento che ottimizzi la resa della macchina in ogni condizione. Nuovo è anche l’impianto frenante, con freni potenziati (4 pacchi di dischi in carbonio a bagno d’olio) su entrambi gli assali, per gestire la macchina alla velocità massima di 50 km/h. Il mezzo porta in dote anche l’Easy ride system, un sistema di sospensione idro-pneumatica del braccio è in grado ridurre drasticamente le oscillazioni avvertite durante la marcia su terreni sconnessi o ad alta velocità. Sistema di livellamento trasversale, integrato nel sistema di gestione della sospensione anteriore, per permette all’operatore di posizionare il telaio sempre in orizzontale, per lavorare in totale sicurezza anche sui terreni più sconnessi;

Inoltre, come per ogni telescopico DIECI viene premiato il comfort dell’operatore con: la cabina Giugiaro Design, caratterizzata da sedile riscaldabile, maggiore spazio per l’operatore, colonna sterzo e bracciolo regolabili, tetto, cruscotto e tappeto insonorizzati; il nuovo display 7’’, con navigazione facile e intuitiva che garantisce visibilità elevata e semplicità di utilizzo. Grazie alle spie antiribaltamento si integra perfettamente nel sistema di sicurezza del mezzo.

Completa il quadro il sistema di ammortizzazione Zero Shock System in grado di ridurre le oscillazioni anche nei terreni più sconnessi. Il nuovo Agri Max Power X2, disponibile nei tre modelli 50.8, 60.9 e 65.8, garantisce capacità di sollevamento fino a 65 kg e un’altezza massima di 9m. In questo telescopico è quindi possibile trovare da un lato l’ampia funzionalità del mezzo, che rende Agri Max il più performante dei telescopici agricoli DIECI; e dall’altro un’ottimizzazione tecnologica che eleva la performance, riducendo gli sprechi e aumentandone la velocità.

In primo piano

Articoli correlati