“Un attrezzo per domarli, un attrezzo per trovarli, un attrezzo per ghermirli e nel buio incatenarli”: è con questa personale rivisitazione della celeberrima Poesia dell’Anello del capolavoro di Tolkien che potrebbe essere presentata la tramoggia TEGOSEM sviluppata da Pottinger. In sostanza, si tratta di una sorta di serbatoio universale, in grado di integrarsi e di lavorare in combinata con un’ampia gamma di attrezzi, che permette di effettuare con unico passaggio diverse operazioni, come coltivazione del terreno, semina e applicazione di diversi materiali per sementi e fertilizzanti.

La tramoggia flessibile TEGOSEM può essere combinata sia con macchine montate su un sollevatore che con macchine trainate, andando ad ottimizzare l’operatività aziendale (e riducendo i costi di gestione dell’azienda). Grazie ai due diversi alberi di dosaggio, è possibile seminare sementi di erba o di colture simili, oltre a colture di copertura a seme piccolo e grande.

Per esempio, utilizzato in combinazione con una seminatrice Pottinger, il TEGOSEM consente di applicare un componente aggiuntivo alla superficie permettendo di effettuare anche semine di accompagnamento (o di copertura) a quella principale che già si sta facendo. Non va dimenticato, però, che i semi di piccole dimensioni sono ottimi per essere aggiunti ai miscugli di colture di copertura, ma devono essere posizionati sulla superficie o vicino ad essa per una germinazione ottimale.

Operazioni che possono essere tranquillamente portata a termine da TEGOSEM, che consente quindi di depositare il materiale in superficie, mentre la maggior parte della miscela viene collocata in profondità. A beneficiarne anche la salute e la fertilità del suolo: diversi studi, infatti, hanno dimostrato che miscele di coltura con almeno otto tipi diversi di sementi favoriscono la biodiversità dei microrganismi.

Potrebbe interessarti

Solis, campione d’incassi. Ecco le gamme di trattori

Prezzi bassi e qualità costruttiva: andiamo alla scoperta del marchio indiano Solis, che negli ultimi anni è stato protagonista di un vero e proprio boom di vendite in Europa. Non solo trattori compatti e sub compatti, anche light utility e specializzati da 18 a 90 cavalli di potenza

JCB Fastrac 4220 iCON, vado al massimo. Le impressioni di guida

Con i suoi 235 cavalli e una massa di 9 mila chili il 4220 è in assoluto il trattore più venduto della gamma Fastrac. Oltre alle già note peculiarità ‘stradali’ la nuova evoluzione iCON porta in dote un’innovativa piattaforma elettronica che massimizza l’efficienza

Il tour della fiera – EIMA 2022 [VIDEO]

327mila visitatori, migliaia di espositori e un'affluenza costante in tutti e cinque i giorni della manifestazione: l'edizione dei record della kermesse bolognese, passo dopo passo, novità per novità. Ecco il video (in fondo alla pagina)

Trattori, la guida al sistema degli incentivi per l’acquisto

Il mercato delle macchine e delle attrezzature per l’agricoltura può avvalersi di incentivi pubblici molteplici e cumulabili fra loro, e questo dovrebbe incoraggiare gli investimenti da parte delle imprese primarie. Nello stesso anno sono attivabili il credito d’imposta per il 4.0, e i finanziamenti…

Massey Ferguson 7S 210, le impressioni sul campo

Progettato per gli operatori professionali più esigenti l’ammiraglia della serie 7S alza l’asticella delle prestazioni con una struttura robusta ma agile e tutta la potenzialità offerta dalle più moderne funzioni di automazione